Addio cara vecchia lampadina ad incandescenza

 

Il 1° settembre 2012 è fissato l’addio alla cara vecchia lampadina ad incandescenza.

Questa la data che segna il pensionamento, dopo ben 130 anni di onorata carriera, dell’invenzione di Thomas Edison. A mandare in cantina le care vecchie lampadine ci ha pensato l’Unione Europea con la normativa del 2009 che prevede la vendita esclusiva ai modelli, più giovani, come quelle a risparmio energetico, al led e quelle alogene.

Quindi ai rivenditori non resterà che smaltire le scorte in magazzino delle lampadine ad incandescenza sotto i 60 W, le uniche rimaste in commercio, prima che diventino un’oggetto da collezzione da esporre come ricordo dell’epoca passata. La sostituzione prevede una serie di vantaggi per i consumatori, che in tempo di crisi, adottando le nuove lampadine godranno di un risparmio pari al 70% sul costo della bolletta in un anno; senza calcolare che la sua durata è maggiore rispetto a quelle di un tempo ( i nuovi bulbi durano dai 6 ai 10 anni).  continua a leggere…

 

Annunci

Le mille doti dei peperoncini verdi e rossi

Avete intenzione di arricchire il vostro giardino in vista della bella stagione? Allora perché non scegliere una pianta dalle molteplici proprietà come il peperoncino piccante.
Oltre a donare il giusto sapore alle vostre pietanze, il peperoncino grazie alla capsaicina – una sostanza dalle spiccate proprietà antibatteriche e antinfiammatorie – la stessa che dona quel tipico tocco piccante, può trovare diversi utilizzi all’interno delle vostre case.
Non solo questa spezia, importata in Europa da Cristoforo Colombo, racchiude una buona quantità di vitamina A e C che possono darci una mano nel risolvere alcuni problemi della nostra salute.
Di seguito una guida agli usi alternativi dei peperoncini piccanti come ai peperoncini verdi

Come si usa il peperoncino piccante

Allontana i roditori e parassiti dal giardino
Se osservando il vostro giardino avete notato la presenza di topolini o parassiti, che amano nutrirsi di fiori e piante, per salvaguardare il tutto la soluzione ideale per voi è quella di creare una miscela di peperoncino ed acqua.
Provvedete a riempire un contenitore spray usato, con questa soluzione esplosiva e  distribuitela con regolarità dove vengono a farvi visita questi animaletti. In poco tempo vedrete come abbandoneranno il vostro giardino.

Anti formiche con il peperoncino
Un ottimo rimedio naturale per tenerle lontane le fprmiche è sicuramente quello di cospargere con un po’ di polvere di peperoncino il davanzale delle finestre, vicino alle porte ed agli altri punti di accesso.
In questo modo risolverete il problema senza utilizzare sgradevoli sostanze chimiche altamente dannose per l’ambiente e per la nostra salute.

Cavi elettrici meno appetibili con il peperoncino

Sappiamo che i gatti sono attratti dai cavi elettrici dei nostri elettrodomestici e sono pronti a rosicchiarli quando vagano per la casa, per dissuaderli dal compiere queste azioni basta strofinare di tanto in tanto sul filo o sul cavo in questione una fettina di peperoncino crudo.
Questo trucchetto terrà lontano il vostro micio dai cavi elettrici, evitando spiacevoli incidenti domestici.

continua a leggere…

Arriva la sigaretta biodegradabile che diventa concime per il giardino

 

concimare il vostro giardino ci pensa la sigaretta biodegradabile. La soluzione progettata dalla compagnia tecnica di San Diego “Greenbutts” permetterà attraverso l’impiego di filtri completamente naturali realizzati con materiali degradabili, come il cotone organico e la canapa, l’abbattimento ambientale derivato dai milliardi di mozziconi di sigarette che si trasformano in rifiuti ogni anno, costituendo circa il 24,7% del totale dell’immondizia raccolta, oltre il doppio rispetto alle altre categorie.
Il filtro biodegradabile “Greenbutts” è tenuto insieme da un collante composto da farina di frumento ed acqua, che va a sostituire il tradizionale involucro di cellulosa acetata, che richiede dai 10 ai 15 anni per essere smaltito del tutto.

La vera caratteristica che rende uniche le nuove sigarette biodegradabili è quella di poter seminare il filtro una volta consumato all’interno di una fioriera, permettendo così algermoglio contenuto di crescere e divenire un fiore, oppure usarlo come concimenaturale per le proprie piante.

Attualmente la sigaretta biodegradabile non è stata ancora lanciata sul mercato, poichè la Greenbutts è alla ricerca di investitori interessati a questo genere di prodotto. Nel frattempo per incentivare la ricerca e permettere la conoscenza dell’invenzione su larga scala la compagnia ha deciso di repererie fondi attraverso la vendita di magliette, bandane ed altri gadgets sul proprio sito www.green-butts.com .

http://www.stilenaturale.com/news/1062/Arriva-la-sigaretta-biodegradabile-che-diventa-concime-per-il-giardino.html

I mille modi di utilizzare la patata

Pensate che le patate siano buone solo come contorno per le vostre pietanze? Non ci crederete, ma questo prodotto proveniente dalla terra vi potrà essere utile in molteplici occasioni.

Tenere sempre due o tre patate in casa vi permetterà di risparmiare parecchi soldini, perchè con un solo prodotto ecologico riuscirete a sbrigare diverse faccende domestiche.
Stile Naturale ha scovato per voi i mille modi di usare la patata: dalla pulizia dei peluches al concime per la terra, passando per la maschera purificante per il viso.

                                   I mille modi di usare la patata

Per la pulizia vetri 
Sappiate che per ottenere delle finestre o dei specchi splendenti non sempre occorre utilizzare sostanze chimiche pronte a rendere peggiore l’ambiente in cui viviamo, basterà un elemento naturale come la patata ad aiutarvi in questa operazione.
Prendete una patata dalla vostra dispensa e, dopo averla tagliata a metà, strofinatela per bene su tutta la superficie del vetro. Se notate che la patata diventa nera vi consigliamo di cambiarla.
Una volta fatto questo lavoro passate un panno morbido per eliminare lo sporco più evidente lasciato dall’ortaggio. In questa modo attraverso le sostanze contenute nella patata sul vostro vetro si andrà a formare una patina che ne eviterà l’appannamento.

Per igienizzare i peluches dei vostri bambini 
Peluches, peluches, peluches…. le camerette dei bambini sono invase da questi oggetti che finiscono per diventare il ricettacolo di acari e polvere. Visto che spesso i più piccoli amano dormire con il loro amichetto a fianco, sarebbe necessaria una pulizia costante per evitare sgradevoli allergie.
Le patate rappresentano un valido alleato nella pulizia dei peluches, procedete con il tagliare delle fettine non inferiori a tre-quattro centrimetri di spessore, cominciate a strofinare il dischetto sul vostro peluches.
In base alla grandezza del peluches consumarete una o più patate: la stessa cosa vale, ovviamente anche per la quantità di peluches da pulire. A seguire lasciate asciugare per qualche ora, o anche per giorni, ed il vostro oggetto tornerà pulito.

Contro la suola scivolosa delle scarpe
Quando compriamo un paio di scarpe nuove, specialmente se hanno le suole in cuoio, ci troviamo a fare i conti con il fastidioso problema della suola scivolosa. Attraverso l’uso della patata eviterete una brutta caduta, vi consigliano infatti di passare mezza patata cruda per qualche minuto sotto la suola.
Nel momento in cui le scarpe si saranno asciugate per bene non correte più il rischio di scivolare e potrete andare a fare due passi senza paura.

Ottimo concime per l’orto 
Un metodo semplice e naturale per concimare il nostro terreno è sicuramente quello di utilizzare le bucce della patata. Anzichè buttarle via, fatele a pezzettini e interratele attorno alle vostre piantine in poco tempo vedrete l’ottimo risultato.

Pulire i tappeti: come ravvivare i colori
Con il passare del tempo i tappeti appaiono spenti e privi di colore, per ridar loro nuova vita la soluzione ideale è quella di creare un prodotto naturale grattugiando due patate in un litro di acqua bollente. Occorre lasciare il tutto in infusione almeno due ore. Dopo avere battuto i tappeti e passato l’aspirapolvere bisogna pulirli con uno straccio imbevuto del preparato.

Come fare il bucato alla patata 

Avete scordato di comprare del sapone da bucato? Non vi preoccupate perchè potete utilizzare senza problemi la patata lessata che strofinata sugli indumenti ha quasi lo stesso effetto sbiancante e pulente del Sapone di Marsiglia. Questo ortaggio diventa anche un ottimo sgrassatore per le macchie di grasso, è sufficiente strofinarla cruda sulla stoffa prima del lavaggio, che deve essere fatto con detersivo ed acqua calda.

Per la pulizia delle bottiglie 
Eliminare del tutto quegli sgradevoli residui che si annidano sul fondo delle bottiglie di vetro non è sempre facile. Usando le patate riuscirete a pulire per bene questi oggetti, riempite la bottiglia con pezzi di patate crude, un cucchiaio di sale grosso e dell’acqua. Agitate il tutto e vedrete come la bottiglia tornerà come nuova.

Contro ematomi e lievi ustioni 
Un rimedio naturale per impedire la formazione di ematomi è sicuramente la patata con il suo grande potere emolliente e cicatrizzante. Prima di usare la patata accertatevi che la pelle non sia lesionata o perda ancora sangue, in questo caso dovrete servirvi di disinfettanti, dopo aver appurato questo tagliate una fettina sottile e posizionatela sulla parte interessata. Assicuratevi che copra l’intera zona dell’ematoma, qualora una fettina non fosse sufficiente allo scopo, tagliane altre e accostale.
Non vi resta che aspettare che la patata si asciughi completamente sino a rattrappirsi, eseguite questa operazione almeno tre o quattro volte, sostituendo di volta in volta la fettina della patata secca con una fresca e umida.

Maschera per la pelle a base di patata 
Quando vi guardate allo specchio vedete la vostra pelle stanca e priva di lucentezza? In vostro soccorso arriverà la maschera per il viso a base di patata. Iniziate con il bollire una patata di medie dimensioni (o due patate piccole) in una pentola con abbondante acqua.
Una volta raffreddata, la patata lessa va sbucciata e ridotta in una purea con l’aiuto di una forchetta o dell’apposito utensile schiacciapatate. Poi mettetela in una ciotola e mescolatela con un paio di cucchiai di yogurt bianco fino ad ottenere una crema omogenea e fluida che può essere spalmata senza difficoltà.
Ricordate prima di applicare la maschera lasciatela raffreddare per bene evitando così spiacevoli scottature o arrossamenti della pelle. Lasciate agire la maschera sul viso per almeno 20 minuti e quando si sarà seccata toglietela con un batuffolo di cotone bagnato, lavate il viso con abbondante acqua tiepida.

http://www.stilenaturale.com/news/1416/I-mille-modi-di-utilizzare-la-patata.html

Basilico: i mille modi per usarlo

 

Non manca mai nelle nostre ricette, il suo profumo è inconfondibile e nasconde infinite proprietà per il nostro benessere. Stiamo parlando del basilico, una delle piante aromatiche più usate in cucina, ma pochi sono a conoscenza dei benefici portati da essa.

Grazie all‘eugenolo, la sostanza che dona il caratteristico profumo alla pianta, il basilico assume un’importante funzione depurativa e antinfiammatoria.
Stile Naturale vi propone una guida ai mille modi di usare il basilico: dal repellente per le zanzare all’alito fresco, passando all‘infuso per migliorare la digestione.

Repellente per zanzare e mosche
Sembra che il basilico sia un ottimo rimedio per tenere lontano mosche e zanzare, basterà posizionare delle piantine sul vostro balcone.
Il profumo emanato dal basilico allontanerà questi insetti, per questo se siete bersaglio di punture di zanzare vi consigliamo di strofinare alcune foglioline sulla vostra pelle che sostituiranno al meglio tutti quei dannosi repellenti chimici spesso usati anche per i più piccoli.

Alito fresco e profumato con il basilico 
Procedete con il mettere in un pentolino, in cui avrete già versato mezzo litro d’acqua, 50 gr di foglie di basilico secche e 100 gr di foglie fresche. Fate bollire il tutto per 10 minuti, una volta filtrato il liquido sarà pronto per essere usato come colluttorio contro l’alitosi.
Il colluttorio fai da te può essere usato anche in caso di mal di gola, viste le sue ottime proprietà antinfiammatorie.

Digerire meglio con il basilico 
Siete reduci da una mangiata colossale e adesso avete problemi con la digestione? Un infuso al basilico vi aiuterà in poco tempo a togliervi quel peso sullo stomaco, iniziate con il mettere 4 foglie di basilico sminuzzato in un litro d’acqua calda, aggiunte un cucchiaino di camomilla essiccata (potete usare anche quella nelle bustine) e un cucchiaio di menta.
Procedete con il portare ad ebollizione il tutto per un paio di minuti, a seguire filtrate per bene l’infuso e provate a berlo per 4 volte al giorno. Con un questo rimedio riuscirete a combattere l’acidità di stomaco e digerirete anche i sassi!
Se non siete amanti di infuso e tisane potete usare il basilico anche per preparare un buon digestivo. Con poche semplici mosse avrete un liquore da gustare dopo cena,  lasciate macerare 40 grammi di foglie fresche di basilico in 50 grammi di alcool neutro a 96° e mescolate frequentemente.
Dopo 6 giorni, filtrate il preparato e aggiungete circa un litro di buon vino bianco secco. Conservate in frigorifero il liquore per servirlo ai vostri amici…sarà un successo!

continua a leggere…

Come fare l’”ammorbidente per lavatrice” in casa

 

Ogni giorno, per lavare in lavatrice, contribuiamo ad avvelenare l’ambiente e a intossicare noi stessi.

Evitare un uso sconsiderato di sostanze chimiche rappresenta il modo migliore per cambiare le nostre abitudini di vita, riuscendo oltretutto a risparmiare una cifra notevole.
La soluzione ideale è quella di affidarsi ad un ammorbidente lavatrice fai da terealizzato con ingredienti semplici e naturali che ci permettono di ottenere a volte anche un risultato migliore sul nostro bucato in lavatrice.

Oltre a nuocere alla nostra salute portando allergie, asma e macchie sulla pelle, gli ammorbidenti chimici creano progressivamente un rivestimento sulle fibre che rende sempre più difficile l’eliminazione dello sporco, i tessuti assumono, con l’andare del tempo, un aspetto non pulito e molto spesso puzzano quando asciutti.
Stile Naturale ha scovato per voi una serie di semplici e veloci alternative per dire addio agli ammorbidente chimici.

GUIDA ALL’AMMORBIDENTE LAVATRICE ECOLOGICO

AMMORBIDENTE LAVATRICE ALL’ACIDO CITRICO
Perchè sprecare tempo e denaro per scegliere il giusto ammorbidente, quando abbiamo a nostra disposizione un prodotto dalle molteplici proprietà come l’acido citrico. Questa sostanza, ricavata originariamente dal succo di limone, per mezzo della sua azione anticalcare riesce a catturare la presenza di calcio nell’acqua fungendo da ottimoammorbidente naturale.
Procedete con il riempire un flacone usato da 1 litro fino a metà dell‘acqua demineralizzata ed aggiungete, aiutandovi con un imbuto, 100 gr. di acido citrico precedentemente pesato. A seguire chiudete il flacone ed agitate sin quando l’acido citrico non sarà completamente sciolto.
Se amate avere dei capi sempre profumati potete aggiungere 30 o 50 gocce di oli essenziali alla vostra soluzione di acido citrico, ricordate dovrà essere agitata prima di ogni uso in quanto gli oli essenziali non sono solubili in acqua, pertanto tendono a rimanere sulla superficie della soluzione.
A questo punto non vi resta che versare il tutto nella vaschetta della lavatrice adibita all’ammorbidente sino a riempirla ed otterrete l’effetto desiderato.
L’acido citrico favorisce la degradazione di enzimi e residui dei detersivi, contribuendo a eliminare il loro potere allergenico. Inoltre rende i panni più facili da stirare e quindi più morbidi al tatto.

COME ACQUISTARE L’ACIDO CITRICO A 6,90 AL KG
CLICCA SULL’IMMAGINE
acido_citrico_vendita
Puoi acquistare anche facendo l’ordine via mail
a commerciale@stilenaturale.com
(pagherai con bonifico)

AMMORBIDENTE LAVATRICE ALL’ACETO BIANCO
Quando parliamo di ammorbidente naturale non possiamo lasciar fuori quello che viene definito uno dei migliori del genere: l’aceto bianco.
Un’alternativa semplice e veloce, vi basterà soltanto versare  1/2 bicchiere d’aceto unito all’olio essenziale sciolto in alcool alimentare a 95° per la profumazione alla vaschetta della lavatrice durante l’ultimo risciacquo.
Oltre a rendere il bucato morbido e profumato, l’aceto bianco possiede il vantaggio di eliminare il calcare dall’acqua rendendola più dolce ed allo stesso tempo proteggere la lavatrice in maniera ecologica.
Una volta terminato il lavaggio, stendete il bucato all’aria poichè l’odore dell’aceto quando si sarà asciugato non si sentirà più.
Curiosità: Per donare una gradevole profumazione ai vostri indumenti potete anche aggiungere 2 o 3 cucchiai di fiori direttamente nell’aceto. La lavanda è perfetta, ma si possono usare anche petali di rose o altri fiori profumati, purchè vi accertiate che non siano stati trattati con pesticidi e che non siano irritanti o velenosi.   continua a leggere…

 

I mille modi di utilizzare il vino

 

Prima di buttare il vino avanzato leggete la nostra guida pratica ai mille modi di usare il vino, non crederete ai vostri occhi quando scoprirete quante cose si possono fare con questa bevanda.
Rimedi contro il singhiozzo 
Sappiamo tutti quanto sia fastidioso e complicato mandare via il singhiozzo, allora perchè farvi trovare impreparati procedete con il preparare un infuso di vino ai semi di finocchio.
Per questo calmante naturale è necessario lasciar macerare per circa una settimana 150 grammi di semi di finocchio in un litro di vino.  Questo infuso può essere conservato ed utilizzato al momento giusto.
Ricorda: I semi di finocchio possono essere sostituiti da quelli di anice, in questo caso il tempo di macerazione da una settimana si ridurrà a due giorni.

Come togliere le macchie di vino con…. il vino
Prima o poi tutti dobbiamo fare i conti con il classico bicchiere di vino che si rovescia sul vestito appena comprato. Un ottimo metodo per tamponare la macchia, prima che venga assorbita dal tessuto rendendo inutile ogni lavaggio, è quello di versarci sopra una abbondante quantità di vino bianco.
Quando avrete asciugato il tutto con un panno morbido e asciutto, vedrete come la macchia è stata assorbita senza lasciare traccia.

Detergente naturale a base di vino
Sembra davvero strano come un prodotto che non c’entra nulla con la pulizia possa trasformarsi in un valido aiuto per le faccende domestiche. Con del vino bianco riuscirete, infatti, ad eliminare quelle odiose macchie di grasso che si formano sui pavimenti.
Questo grazie al suo efficace potere sgrassante, non solo il vino bianco è anche un ottimo detergente. Provate a diluirlo con dell‘acqua e mettere il liquido in uno spruzzino usato, una soluzione ideale per pulire i vetri delle vostre finestre o i specchi vi basterà asciugare il tutto con un foglio di giornale…. il risultato è garantito.

Per pulire frutta e verdura 
Il vino avanzato può benissimo andare a sostituire i diversi prodotti utilizzati per pulire frutta e verdura. Questo perchè sembra che  l’alcool contenuto nella bevanda agisce contro la formazione di germi e impurità.
E’ consigliato diluirlo con dell’acqua per il lavaggio della frutta e degli ortaggi, inoltre il vino si distingue per le sue proprietà antibatteriche che andrebbero ad uccidere in particolare tutti quegli agenti responsabili dei virus della salmonella e della escherichia coli.

Come fare l’aceto con il vino
Sarà necessario riempire una bottiglia con del vino per tre quarti e lasciarla aperta in un luogo caldo per circa 3-4 settimane. Vedrete come la natura farà il suo corso, ritrovandovi  in casa dell’aceto pronto all’uso senza aver speso un euro. Altro metodo garantito è mettere dentro la bottiglia di vino uno spaghetto. Dopo qualche settimana l’aceto è fatto!

Per attirare le mosche ed i moscerini 
E’ ormai iniziata la lotta contro mosche e moscerini che, sopratutto in estate, invadono le nostre case creando non pochi fastidi. Grazie all’utilizzo del vino avanzato possiamo sconfiggere questo piccolo problema, una buona trappola per questi animaletti è infatti quella di posizionare sul vostro balcone una tazza riempita sino a metà di vino rosso che andrà chiusa ermeticamente con della pellicola trasparente, dove andranno creati dei piccoli fori con uno stuzzicadenti.
In questo modo attirerete gli insetti che attratti dal forte odore del vino rimarranno  intrappolati nel liquido.

http://www.stilenaturale.com/news/1433/Come-togliere-il-singhiozzo-o-fare-l-aceto-i-mille-modi-di-utilizzare-il-vino.html

Il latte? Un rimedio naturale contro le macchie d’inchiostro sui tessuti

 

Un antico proverbio dice “non piangere sul latte versato“, questa frase al giorno d’oggi dovrebbe subire qualche variazione perchè il latte oltre ad essere un alimento nutriente si trasforma in un prodotto utilissimo in diverse occasioni.

Quindi badate bene la prossima volta che verserete un bicchiere di latte, raccoglietene il più possibile e mettelo da parte, non si sa mai quando la bevanda possa rivelarsi utile.
Dalla pulizia degli oggetti di pelle all’eliminazione delle macchie d’inchiostro, passando per l’ammorbidente naturale per la pelle. Di seguito troverete una guida su come usare ogni singola goccia del liquido bianco.

                              Guida agli usi alternativi del latte


PER RIPARARE LE PORCELALNE SCHEGGIATE

Non tutti sanno come il latte può trasformarsi in un liquido davvero versatile, possiede infatti delle ottime proprietà riparatrici.  Se avete degli oggetti di porcellana a cui siete legati che purtroppo con il tempo si sono rovinati o scheggiati, questo prodotto fa al caso vostro. Vi basterà immergerli in una bacinella con latte caldo e lasciarli a bagno sin quando non si sarà raffreddato ed il gioco è fatto le vostre porcellane torneranno come nuove.

PER TOGLIERE LE MACCHIE  DI  INCHIOSTRO DAI TESSUTI 

Sappiamo quanto i nostri bambini amano pasticciare con penne e pennarelli, spesso tornano dalla scuola materna con grosse macchie di inchiostro che compromettono il loro grembiulino.
Prima di gettarlo definitivamente provate ad immergerlo in una bacinella con del latte freddo, ancora meglio se acido, e lasciatelo in ammollo per tutta la notte. Dopodichè con attenzione e cura strofinate la parte macchiata facendo attezione a non strappare il capo, a seguire lavatelo normalmente in lavatrice.

RIMEDIARE AL MAGLIONE INFELTRITO 
Siete disperati perchè  il vostro maglione di lana preferito è finito per sbaglio nella lavatrice durante il lavaggio a 60° gradi, finendo ovviamente per infeltrirsi?
Un ottimo rimedio per ovviare a questo problema è quello di immergere direttamente il maglione nel latte per circa una mezz’oretta, in seguito provvedete a lavarlo nuovamente.

SCARPE O BORSE DI PELLE 
Per mantenere sempre pulitele le vostre scarpe o borse di pelle, anzichè utilizzare prodotti chimici altamente dannosi, potete benissimo affidarvi ad una soluzione composta per metà da acqua e per metà da latte scremato.
Passate la miscela con un panno inumidito e procedete con la pulizia. Per evitare che rimanga appiccicosa è preferibile passare un po’ di acqua.  La stessa soluzione vi aiuterà anche a rinnovare borse o scarpe di vernice.

PER LA PULIZIA DELLE MANI
Passare una bella giornata all’aria aperta occupandoci del nostro giardino è sicuramente qualcosa di meraviglioso, ma dopo occorre fare i conti con le macchie di terra che non vogliono andare via dalle mani.
Un buon detergente naturale per la pulizia delle mani è rappresentato da una pasta fatta con farina d’avena e latte. Strofinate vigorosamente sulle vostre mani e vedrete che le macchie scompariranno. La farina d’avena e il latte inoltre, ammorbidiranno la pelle.

AMMORBIDENTE PER LA PELLE 

Sapevate che il latte è un ammorbidente naturale della pelle? L’aggiunta di circa mezza tazza di latte in polvere nella vasca da bagno, mentre si sta riempiendo d’acqua, vi permetterà di creare un bagno rilassante e nutriente per la pelle.

http://www.stilenaturale.com/news/1389/Il-latte-Un-rimedio-naturale-contro-le-macchie-d%E2%80%99inchiostro-sui-tessuti.html

Come togliere il cattivo odore: rimedi semplici ed ecologici

 

Amate avere una casa sempre profumata e pulita, sconfiggendo una volta il cattivo odore o puzze sgradevoli provocate dalle cause più disparate? Grazie ad alcunisemplici e veloci consigli e all’aiuto di molteplici elementi naturali potrete ospitare gli amici, ricevendo una serie infinta di complimenti per come curate la casa.
Come  togliere il cattivo odore dal frigorifero

Ogni giorno nel frigorifero delle nostre case transitano moltissimi cibi di diversa natura, che pur essendo di nostro gradimento, lasciano cattivi odori che mischiandosi con l’umidità presente al suo interno rendono sgradevole il momento della sua apertura.
Eliminare gli odori sgradevoli sarà semplicissimo attraverso alcuni rimedi naturali, un modo facile e veloce per provvedere a questo problema è quello di posizionare un bicchierino con aceto e bicarbonato in un angolo del frigorifero. Il bicarbonato ha la funzione di assorbire gli odori, mentre l’aceto di coprirli e toglierli.
Utilissima anche una pulizia accurata ogni due settimane adoperando acqua e aceto; in alternativa acqua e bicarbonato. Un’altro ingrediente efficace per eliminare i cattivi odori nel frigo è il caffè, quando avete svuotato il vostro pacchetto sottovuoto non gettatelo nel cestino, mettetelo in un angolino del frigo agirà come mangia-odori.
Mentre durante la stagione estiva quando vi capita di acquistare più frequentemente il melone per togliere il forte odore che emana tenete per almeno una notte una patata sbucciata nel frigo in questo modo verrà assorbito.


Come  togliere il cattivo odore dalle
 mani

Quante volte vi è capitato di cucinare una cenetta coi fiocchi e poi vi siete accorti di avere le mani che ancora sono maleodoranti? Non vi preoccupate basta seguire alcuni consigli e potrete tornare a stringere la mano ai vostri ospiti.
Eliminare dalle mani la puzza di cipolla e aglio, ingredienti che vengono usati spessissimo per cucinare, come prima cosa è fondamentale lavarle sempre con l’acqua fredda, questo perchè quella calda mantiene ancora più vivi gli odori.
Abbandonate il detersivo estremamente aggressivo per la vostra pelle, strofinate le mani con un sapone fai da te composto da olio ed aceto sfregandole sin quando l’odore sarà andato via.
In alternativa spalmate un po’ di dentifricio sulle mani e sciacquate con acqua fredda, ottimo anche il sapone di marsiglia naturale con l’aggiunta di un cucchiaino di caffè nella schiuma formata durante il riscacquo, ricordate sempre con acqua fredda.
Anche pulire il pesce delle volte risulta davvero sgradevole, provate a fregare le mani con un delle gocce di limone e del bicarbonato. Il bicarbonato potrà essere facilmente sostituito con un pochino di latte.
Se amate la tradizione prendete il caro vecchio limone e una saponetta d’acciao ed il gioco è fatto, le vostre mani saranno di nuovo profumate e pulite.

Come  togliere il cattivo odore dalla
 cucina

Non c’è nulla di più piacevole di entrare in una casa da dove provengono buoni odori dalla cucina che ci invogliano a mangiare. Purtroppo però alcuni alimenti una volta cotti sprigionano cattivi odori è questo il caso del cavolo, che contiene molte proprietà nutritive, ma emana una puzza poco gradita anche dal nostro vicinato.
Un’ottima soluzione per rimediare al problema è quella di posizionare sopra il coperchio, durante la cottura, un batuffolo di cotone imbevuto d’aceto, meglio ancora se aggiungete all’acqua di cottura un pezzetto di pane raffermo che avrà il compito di assorbire la puzza.
Smorzare il cattivo odore del cavolo è possibile anche buttando nell’acqua di cottura delsucco di limone appena spremuto oppure un cucchiaio di latte.
Ovviamente nella nostra lista non poteva mancare uno degli odori presenti in cucina più comuni ovvero quello di fritto. Sono diversi i rimedi per impedire alla nostra casa di impregnarsi di frittto, vi consigliamo di immergere nell‘olio bollente durante la cottura una buccia di limone ed una costa di sedano. Ricordate di togliere il tutto non appena inizia a dorare.
Sempre efficaci anche in questo caso acqua ed aceto da far bollire accanto alla padella dell’olio sia durante la cottura che al termine. L’evaporazione del composto contribuirà a purificare l’aria.
Una soluzione quella dell’evaporazione di acqua e aceto che può essere utilizzata anche quando bruciamo qualcosa in cucina, così da poter smorzarne l’odore.

Come  togliere il cattivo odore dagli utensili di cucina

Adorate avere utensili da cucina sempre puliti e igienizzati, ma i cattivi odori sono la vostra ossessione? Rovistate nelle dispensa troverete sicuramente una soluzione al vostro problema.
Partiamo con la pulizia del tagliere di legno, spesso aggredito da ogni genere di odore, prendete un limone strofinatelo vigorosamente sulla superficie sciacquatelo con acqua fredda e lasciate asciugare bene prima di riporlo nella cassettiera, in questo modo tutti gli odori saranno scomparsi. Questo metodo risulta ideale anche per eliminare cattivi odori dalle stoviglie oppure usate una carota per ottenere il risultato desiderato.
Per non incappare in incontri poco gradevoli negli armadietti della dispensa come muffe o animaletti, riempite un barattolo colmo di bicarbonato e lasciatelo all’interno, funzionerà come anti-muffa.

Come  togliere il cattivo odore dalla pattumiera

Mantenere i rifiuti all’interno della nostra abitazione, sopratutto di quelli umidi, spesso rappresenta la causa dei cattivi odori presenti in casa. Se il vostro animale domestico è un gatto attingete dalla sua lettiera spargendone un po’ sul fondo del secchio, così verranno assorbiti anche quei liquidi che a volte escono dal sacchetto.
Non disponete della lettiera non c’è problema in vostro soccorso arriverà una classica soluzione di bicarbonato da mettere sul fondo, da sostituire una volta alla settimana.

Come  togliere il cattivo odore dallo scarico del lavello

Salgono degli odori poco gradevoli dal vostro lavello in maniera semplice e veloce spariranno, scaldate un bicchiere d’aceto e sciogliete dentro del sale grosso versandolo direttamente nello scarico. Ricordate dopo un’ora di versare dell’acqua bollente per finire l’operazione.

Come  togliere il cattivo odore 
degli animali domestici

Gli animali domestici portano davvero un grande calore in casa con la loro presenza, ma nonostante siano educati a fare i loro bisogni fuori o nella lettiera può capitare che gli scappa in casa.
Per eliminare l’odore di urina versate dell’acqua mescolata con l’aceto sulla parte incriminata, ripetete l’azione ma questa volta adoperando il bicarbonato. A questo punto risciacquate e quando sarà asciutto passate l’aspirapolvere.
Se invece avete bisogno di un rimedio per il cattivo odore della lettiera del vostro gatto, vi basta aggiungere alla sabbia un cucchiaio di bicarbonato. Oltre ad un buon profumo desiderate anche avere un’effetto antibatterico allora utilizzate delle foglie di tè essicate.
Come  togliere il cattivo odore del fumo

Non sopportate l’odore di fumo, mentre il vostro patner è un fumatore incallito che proprio non ne vuole sapere di uscire in balcone? Per togliere il cattivo odore di sigaretta che si annida per tutta la casa reperite uno spruzzino riempitelo con acqua, aceto e 2 gocce d’olio essenziale all’eucalipto e diffondetelo come deodorante naturale.
Mentre se ad essere riempita di fumo è solo una stanza adottate la soluzione di porre unasciugamano imbevuto di aceto sul calorifero accesso. Rappresenta un valido rimedio per sconfiggere il problema.

Come  togliere il cattivo odore dal
le scarpe da ginnastica

Quando ad avere un cattivo odore è la stanza dei vostri figli a causa delle loro scarpe da ginnastica bagnate o maleodoranti, in vostro soccorso arriverà il timo. Posizionando uno strato della spezia secca all’interno delle scarpe, lasciandolo riposare per un’intera notte, così sconfiggerete la sgradevole puzza ed azionerete un’ottimo antibatterico per l’igiene dei vostri piedi.
http://www.stilenaturale.com/news/1189/Come-togliere-il-cattivo-odore-rimedi-semplici-ed-ecologici.html

Lo zucchero per risparmiare in casa

 

Basta un poco di zucchero e la pillola va giù...” Mary Poppins usava lo zucchero per rendere più dolce la vita, ma sappiate che questo non è l’unico utilizzo alternativo deldolcificante per eccellenza.

Nella dispensa quindi non troveremo soltanto un noto dolcificante, ma anche un prodotto in grado di aiutarci a risolvere le controversie di tutti i giorni: dallo smorzare l’acidità del sugo di pomodoro ad eliminare la ruggine dall’acciaio, passando per uno scrub per capelli morbidi e lucenti.
Stile Naturale ha stilato per voi una guida ai diversi modi di usare lo zucchero: ci raccomandiamo di non esagerare, in grandi dosi può essere dannosa per la salute.

                          Come risparmiare in casa utilizzando lo zucchero

Via la ruggine dall’acciaio 
Siete alla ricerca di una soluzione per pulire la ruggine dall’acciaio? In vostro soccorso arriveranno due ingredienti molto diversi tra loro, ma che una volta insieme sono di sicuro effetto: cipolla e zucchero.
Vi basterà strofinare le macchie di ruggine con una fetta di cipolla cosparsa di zucchero, sciaquare e asciugare bene.

Per deodorare la caffettiera 
Mantenere in buono stato tutte quelle caffetterie inutilizzate nascoste all’interno della vostra credenza è semplice con lo zucchero. Riempiendo il filtro con questa sostanza, eviterete la formazione di cattivi odori così potrete usare la vostra macchina del caffè quando desiderate senza spiacevoli sorprese.

Per smorzare l’acidità del sugo di pomodoro

Avete preparato un sughetto a regola d’arte per la vostra pasta, ma sentite che qualcosa non va? Il pomodoro tiene al suo interno un tasso di acidità, che spesso può renderlo sgradevole all’assaggio, per smorzare questo sapore è bene mettere un cucchiaino di zucchero durante la cottura …. in questo modo potrete gustarvi un ottimo piatto di pasta al pomodoro.

Come togliere le lentiggini con zucchero e limone 
Con l’arrivo dell’estate le prime lentiggini sono apparse sul vostro viso? Se non amate questa vostra caratteristica, vi consigliamo di preparare una miscela di zucchero e succo di limone. A seguire con un pennello applicate la soluzione sulla vostra zona lentigginosa per un paio di giorni e vedrete come in modo naturale spariranno.

Lunga vita ai fiori recisi con lo zucchero
Non c’è nulla di meglio che avere sempre dei fiori freschi in casa, ma purtroppo risulta davvero difficile poterli conservare a lungo. Un ottimo rimedio per prolungare la vita dei vostri fiori recisi è quello di aggiungere una zolletta di zucchero o un cucchiaino all’interno del vaso.
Ricorda: Sciogliendo un cucchiaino di zucchero nell’acqua dell’annaffiatura donerete maggiore nutrimento anche alle vostre piante grasse.

Per eliminare le macchie di grasso dalle vostre mani 

Quando si armeggia in garage con diversi arnesi per svolgere quei piccoli lavoretti per la casa e non solo, spesso capita di sporcarsi le mani con grasso e olio.
In questo caso per pulire le vostre mani non utilizzate paste abrasive chimiche, dannose per la vostra salute e per l’ambiente, lavatele con un pochino di detersivo per piatti e dello zucchero.
Lo zucchero ha una componente abrasiva che mentre si scioglie con l’acqua rimuove il grasso. Se occorre ripetete l’operazione, ma mi raccomando non esagerate con lo zucchero!!!

Scrub allo zucchero per capelli morbidi e lucenti 
Nutrire il nostro capello è uno dei passi fondamentale per avere sempre una chioma morbida e lucente, un ottimo rimedio per ottenere questo risultato è quello di creare uno scrub a base di zucchero.
Per la realizzazione: Prendete una ciotola abbastanza capiente e mettete al suo interno quattro cucchiai di balsamo e quattro cucchiai di zucchero. Mescolate per bene gli ingredienti tra di loro fino ad ottenere un composto abbastanza omogeneo.
Una volta creato il composto applicatelo sui capelli (mi raccomando non li dovrete assolutamente bagnare), e massaggiate lo scrub su tutta la cute per circa 15 minuti.
A questo punto dovrai sciacquare accuratamente i capelli utilizzando possibilmente dell’acqua tiepida. Naturalmente dopo aver applicato lo scrub dovrete effettuare uno shampoo, in modo tale da eliminare tutti i residui, e poi procederte asciugando i capelli come fate di solito. Vedrete che otterete dei capelli morbidi e lucenti!

Un dolce spuntino per il colibrì 
Anche gli uccellini sono dei golosoni, se possedete un piccolo colibrì vi consigliamo di miscelare zucchero e acqua e versare il tutto nel suo abbeveratoio.Questo sarà uno spuntino molto apprezzato dal vostro uccellino.
Mi raccomando non eccedete nella quantità che dovrà essere consumata al massimo entro quattro giorni per impedire la formazione di muffa ed evitare che la soluzione diventi rancida.

http://www.stilenaturale.com/news/1378/Lo-zucchero-per-risparmiare-in-casa-da-scrub-per-i-capelli-a-pulisci-ruggine-dall%E2%80%99acciaio.html