Per eliminare i cattivi odori usa il burro scaduto

burro_image_gallery

Può capitare che in frigo rimanga del burro scaduto. Cosa fare? Certo non va buttato ma utilizzato in mille maniere seguendo i rimedi naturali della nonna. Qui sei idee per riutilizzare il burro sia per la pulizia della casa che per la cura del corpo.

Per eliminare i cattivi odori dalle mani 
Se cercate un rimedio naturale per eliminare tutti quei cattivi odori che rimangono sulle mani dopo aver cucinato, aprite il frigorifero e troverete la soluzione adatta a voi. Uno degli usi alternativi del burro è proprio quello di togliere gli odori di cibo più fastidiosi dalle mani, con un semplice gesto spalmando una piccola quantità di prodotto sulle mani, prima di lavarle con acqua tiepida e un detergente profumato, riuscirete ad ottenere il risultato sperato.
Curiosità: Oltre ai cattivi odori, il burro aiuta anche ad ammorbidire le mani per eliminare quei residui di colla che rimangono dopo che ci siamo cimentati nei lavoretti di bricolage. Strofinandone una noce sulle mani e con un semplice lavaggio con acqua e sapone spariranno tutte le tracce di colla senza problemi.

Per togliere le macchie d’inchiostro e di bevande 
Sembra proprio che il burro fuori dalla cucina riesca a renderci la vita meno complicata, aiutandoci a risolvere tutti quei problemini legati alla vita quotidiana. Potrete usare questo prodotto per eliminare le macchie d’inchiostro sugli oggetti in plastica, non devete far altro che strofinarlo sulla parte interessate e lasciare l’oggetto al sole per una giornata. Una volta risciaquato il tutto con acqua e sapone, la macchia sarà scomparsa.
Il burro è ideale anche per togliere quelle macchie appiccicose lasciate dalle bevande, passandone una piccola quantità sulla superficie sporca lasciandola riposa per alcune ore e pulendo il tutto con un panno umido.  Medesimo procedimento per borse, portafogli e giacche in pelle che torneranno ad essere come nuove.

continua a leggere…

I 6 modi per riciclare la farina

 

alimenti_farina5

 

Avete della farina scaduta in dispensa? Prima di gettarla nel cestino, dovete assolutamente scoprire quante cose si possono fare con questo semplice ingrediente.  Dall‘antiparassitario naturale a come pulire il rame e dell’acciaio, passando per il sapone fatto in casa o come rimedio per le allergie al lattice. Una guida al risparmio e il riciclo ecologico.

Come per pulire il rame e l’acciaio
Questo semplice ingrediente sostituisce con ottimi risultati quei prodotti chimici usati per pulire rame e acciaio. Nel caso del rame sarà sufficiente dare vita ad una soluzione composta da farina, aceto bianco e sale distribuitela sull’oggetto e risciacquate con acqua tiepida, in questo modo tornerà presto come nuovo.
Mentre l’acciaio può essere lucidato in maniera più semplice, se effettuerete una prima passata con un panno morbido cosparso da farina. Con questo metodo sarà più semplice e rapido rimuovere i residui di sapone e le tracce di umidità.

Antiparassitario naturale
Cercate una soluzione naturale per combattere l’invasione di parassiti nel vostro orto? Con una manciata di farina bianca, da spargere intorno alle vostre piante, senza usare sostanze chimiche che vanno a contaminare il terreno (e la vostra salute) andrete a sconfiggere il problema. Questo semplice ingrediente sarà utile anche per allontanare le formiche, lasciatene un pochino nei punti strategici dove sono solite formare il loro formicaio.

continua a leggere…

Compost: ecco la compostiera fai da te per il compostaggio domestico

compostiera_528475

Per fare il compost, la compostiera che si trova in commercio, è ritenuta come la più efficace per il compostaggio domestico, in realtà con poche semplici mosse è possibile realizzarla in casa. Con la compostiera fai da te, oltre a risparmiare parecchi soldi, riuscirete a soddisfare le vostre esigenze creando una compostiera che si adatta alle vostre abitudini. La sua funzione primaria è quella di trasformare, attraverso un processo di ossigenazione e decomposizione, tutti quei RIFIUTI ORGANICI in concime naturale per piante e piccole coltivazioni ortofrutticole facendole diventare COMPOST.

Seguendo le esperienze di chi ha deciso di servirvi di questo efficacie strumento abbiamo voluto stilare per voi una semplice guida per la costruzione di una compostiera domestica da giardino per il vostro fertilizzante organico. Passo dopo passo, e con molta pazienza, sarete in grado di ottenere il vostro concime organico.

Occorrente per realizzare una compostiera domestica
Per iniziare a progettare la vostra compostiera fai da te avrete bisogno, come prima cosa, di un bidone di media grandezza (regolatevi in base a quante persone siete in casa) molto importante procuratevi un coperchio che possa sigillare per bene il bidone una volta inserito il compost.
A questo punto vi serviranno un sacchetto di argilla espansa in palline, della rete in plastica a maglie fini,  un trapano, fil di ferro ricoperto in plastica, un sottovaso e delle mollette di plastica.

continua a leggere….