Green Movie Film Fest. Il cinema alleato dell’ambiente vince

“Il cinema alleato dell’ambiente vince”. Questo il motto della terza edizione del Green Movie Film Fest (www.greenmoviefilmfest.it), promosso da Pentapolis Onlus, che avrà luogo a Roma, presso il Nuovo Cinema Aquila, il 5 e 6 dicembre 2014.

La rassegna vuole testimoniare come il 2014 sia stato un anno importante per il cinema italiano “alleato dell’ambiente”, vincente a livello nazionale e internazionale. Le opere in programmazione, infatti, testimoniano come la qualità artistica bene si sposi a un impegno di tutela ambientale applicata all’industria cinematografica, ancora pionieristico nel nostro Paese.

Il Festival prende il via venerdì 5, alle 21, con il film “Le Meraviglie” di Alice Rohrwacher, opera a cui è stato assegnato il Grand Prix Speciale della Giuria, il secondo più importante del Festival di Cannes 2014, prodotto da Tempesta e realizzato secondo il primo disciplinare europeo certificato di sostenibilità ambientale per la produzione cinematografica: EcoMuvi. L’anima verde del film si riverbera anche nella storia che è incentrata sulle vicende di una famiglia di apicoltori, in un casale perduto nella campagna umbra al confine con la Toscana.

Si prosegue sabato 6 dicembre, alle 18.30, con “Il Capitale Umano” di Paolo Virzì, primo film realizzato in Italia sulla scorta del progetto Edison Green Movie che mira a portare nel cinema l’attenzione per un utilizzo corretto e consapevole dell’energia, minimizzando l’impatto ambientale. L’opera, liberamente tratta dal romanzo di Stephen Amidon, ha trionfato ai David di Donatello 2014, vincendone ben 7, ed è stato scelto a rappresentare l’Italia agli Oscar 2015.

“L’esperienza produttiva sui due set – sottolinea Massimiliano Pontillo, Presidente di Pentapolis Onlus – dimostra che fare cinema sostenibile consente di realizzare un risparmio in termini economici, senza intaccare minimamente la qualità finale delle opere. Il Green Movie Film Fest nasce per sensibilizzare il largo pubblico sui temi ambientali e per coinvolgere proprio la filiera produttiva, tra filmakers, produttori e distributori, in pratiche a impatto zero”.

headerAlle 18.00 di sabato 5, il programma prevede il documentario “Honey of Ethiopia” (versione italiana senza sottotitoli), prodotto da Tripodphoto con la fotografia di Fabrizio Del Dotto e Darim Alessandro Da Prato, illustra un progetto italiano che ha reso possibile, in Etiopia, la creazione di una rete di produttori di miele di qualità in continuo sviluppo.

Seguono, alle ore 20.30, due docu-mags, di 9 minuti ciascuno, “La battaglia di Paolo il pescatore”, regia di Mario Ferrari (IT 2012) e “Sun rays”: energia solare in Palestina, regia di Motasem Aliwaiwi (Palestina 2012), realizzati da COPEAM, con il sostegno della UE, nell’ambito del progetto Joussour sulle tematiche ambientali nelle regioni marittime del bacino mediterraneo.

Chiude la rassegna, diretta da Marino Midena, il film “Biagio” di Pasquale Scimeca, vincitore del Green Movie Award, premio collaterale del Festival Internazionale del Film di Roma 2014 e che uscirà in sala a febbraio prossimo.

L’opera ripercorre le vicende di Biagio Conte (interpretato da Marcello Mazzarella), fondatore della Missione di speranza e carità. Un film senza compromessi che vuole affrontare i grandi temi della vita, dalla religione all’ambiente, dalla giustizia sociale alla solidarietà e assurge a paradigma del nostro tempo in crisi di valori e ideali. Un invito al recupero di un’ecologia del pensiero che prende forma nella natura.

Il Green Movie Film Fest ospita anche il progetto ideato da RIscARTI, il Festival del riciclo creativo a Roma, “Cambio Indirizzo”, iniziativa per ricordare Nino Manfredi a 10 anni dalla sua scomparsa: gli oggetti appartenuti al grande attore sono stati trasformati da artisti per sostenere una cultura del riuso intelligente, in un’etica di sostenibilità e bellezza.

Le opere d’arte saranno esposte nel foyer del Nuovo Cinema Aquila durante la manifestazione. Il progetto prevede la proiezione del film restaurato Operazione San Gennaro, di Dino Risi, e un aperitivo di beneficenza, il cui ricavato sarà destinato alla promozione della ricerca scientifica per i malati di SLA grazie a Viva La Vita Onlus, di cui Erminia Manfredi è presidente onorario.

Annunci

Guida agli usi del limone per la pulizia della casa

Ti sei dimenticato di fare la spesa ed in casa hai solo dei limoni? Per questa volta dovrai rinunciare ad invitare a cena gli amici, ma puoi sempre rimboccarti le maniche e anticipare le pulizie di primavera … e i limoni saranno dei validi alleati. Scopriamo quali sono i molteplici usi del limone!

Non crederai ai tuoi occhi quando scoprirai quante cosa riuscirai a fare in casa con questi semplici agrumi. Tutto merito dell’acido citrico contenuto in essi che ci permette di usarlo come anticalcare,ammorbidente, disincrostante e brillantante.

limoni-600x330

Via con qualche consiglio ecologico ed economico per la pulizia della casa!

Detersivo per piatti al limone
Ami l’odore del sapone per piatti al limone? Anziché comprarne uno spendendo denaro e riempiendo il lavandino di agenti chimici, realizza un detersivo fai da te 100% ecologico.
Occorrono 3 limoni, acqua q.b., 2 cucchiai di sale e un bicchiere di aceto. Iniziate con il tagliare in maniera grossolana i limoni, ricordando di togliere i semi, frullandoli insieme a dell’acqua ed a due cucchiai di sale. Poi riversate tutto in una pentola dove andrà aggiunta altra acqua e un bicchiere di aceto, la soluzione dovrà bollire per dieci minuti. Una volta raffreddato il detersivo al limone sarà pronto per l’uso.
Se non avete tempo di fare il detersivo anche solo spremendo metà limone nell’acqua che usate per lavare i piatti riuscirete ad ottenere un’azione sgrassante e dei piatti profumati.

Pulizia del forno a microonde
Disincrostare il forno a microonde non è mai una bella faccenda. Ad alleggerirvi il lavoro vi aiuterà illimone, basta inserire un bicchiere di vetro con all’interno del succo di limone e dell’acqua in parti uguali e tenerlo per 4 o 5 minuti alla massima temperatura. In questo modo il vapore avrà sciolto le incrostazioni e semplicemente passando un panno di cotone il microonde tornerà pulito e profumato.

Per una caffettiera impeccabile
Una caffettiera ben pulita non è da sottovalutare, perché vi permette di assaporare meglio il sapore del famoso liquido nero senza alterazioni. Procedete con mettere del ghiaccio, del sale de delle bucce di limone all’interno della caffettiera. Agita bene e poi butta tutto e risciacqua. Così avrete una caffettiera come nuova ed il caffè sarà ancora più buono.

Addio cattivi odori dal frigo
È davvero sgradevole aprire il frigo e sentire cattivo odore. Anche in questo caso il limone sarà un ottimo alleato per sconfiggere questo piccolo problema quotidiano, posizionate in uno scomparto del frigo una ciotola con dell’acqua e alcune fettine di limone. In pochi giorni il cattivo odore sparirà. Ripetete questa pratica di tanto in tanto per mantenere sempre il frigo fresco e profumato.

Splendido splendente… il rame, l’ottone e l’alluminio
Per far tornare splendenti gli utensili di rame, di ottone e alluminio una soluzione composta limone, sale o bicarbonato è l’ideale. Immergi mezzo limone nel sale o nel bicarbonato e strofinalo sull’oggetto, lasciando agire per 5 minuti. Poi risciacqua con acqua calda e asciuga lucidando. Meglio di qualsiasi detergente chimico in commercio!

Bucato più bianco che bianco
Lottate con detersivi e sbiancanti per avere un bucato pulito. Provate ad aggiungere qualche scorza di limone, chiusa in un sacchetto di stoffa, nel cestello della lavatrice il risultato sarà sorprendente!

Fonte: http://www.e-cology.it/

#Settemilachilometriinunasettimana. On the road con Max Pezzali

Cantare a squarciagola, ballare, scatenarsi, abbracciarsi, piangere e divertirsi di brutto. Beh se almeno una volta avete provato tutte queste emozioni insieme vuol dire che avete preso parte al concerto del vostro cantante preferito. Io posso ammettere di averlo fatto diverse volte nel corso della mia vita medio-lunga (i 25 anni sono all’orizzonte) e solo una persona è riuscita sempre a provocare in me queste piacevoli sensazioni, lui si chiama Max Pezzali.

Sono certa che molti di voi nel leggere questo nome saranno rimasti senza parole, ma come quello che canta “Hanno Ucciso L’Uomo Ragno” e tutte quelle canzoni stupide da adolescenti, se state pensando questo significa che non avete mai visto un suo live. Un consiglio: avete fatto proprio male, lasciate a casa i pregiudizi e lanciatevi in questa esperienza. Ma se proprio non desiderate andarci fisicamente c’è qualcuno che ha ben pensato di trasportarvi “virtualmente” sotto il palco di Max insieme ai suoi fans per farvi ricredere e dire: “La prossima volta lì ci saro anche io”.

33541da4428a73fc2ce571b5a7e8e77e_w668_h376_cp_sc

Lui è l’attore e regista Corrado Fortuna pronto a percorrere #Settemilachilometriinunasettimana_on the road con Max Pezzali. “Quando mi è stato proposto da Max di seguirlo per quello che si è rivelato il tour più riuscito, più partecipato e con più biglietti staccati dell’anno, mi ha un po’ preso il panico – ha affermato Corrado – Max mi chiedeva di fare tutto da solo: io con una telecamera, senza troupe come regista e poi lui, la band, il pubblico, i produttori, i tecnici e me stesso come attori protagonisti. Non avevo mai girato un documentario tutto da solo, anzi non avevo mai girato un documentario tenendo io la telecamera fra le mani; di solito c’è chi lo fa per me molto meglio di me. Ma andare in tour era il sogno della mia vita, un sogno francamente irrealizzabile visto che non sono un musicista, quindi come farsi scappare questa occasione?”

Dopo tutto questo lavoro Corrado adesso ha bisogno di noi per poter portare alla luce il suo progetto e per questo attraverso il supporto del sito di crowfunding musicale Musicraiser chiede a tutti i fans di contribuire alla realizzazione di questo documentario acquistandone una quota (da 20 a 250 euro). Ogni contribuente in base alla quota versata riceverà delle compense, che vanno dal dvd del documentario fino al meet and greet con Max Pezzali.

Il DVD verrà realizzato solo se sarà raggiunto entro l’11 agosto l’obiettivo economico di €38.500 necessario a produrre il documentario. Nel caso in cui l’obiettivo di raccolta non dovesse essere raggiunto Musicraiser vi rimborserà. Siate generosi perché parte del ricavato verrà devoluto all’associazione Amici di Lapo che cura i bambini affetti dalla sindrome di Kawasaki.

VI edizione del Premio Giornalistico “Oltre le Righe” intitolato a Lidia Giordani

Legambiente Circolo Città Futura lancia la VI edizione del Premio Giornalistico “Oltre le Righe” intitolato a Lidia Giordani, giornalista con la passione per l’economia e l’ambiente scomparsa troppo presto, all’età di 35 anni, dopo una breve e terribile malattia. Il Premio Giornalistico intitolato a suo nome intende ricordarla con il sostegno a una giovane giornalista impegnata in particolare sui temi ambientali per favorire la conoscenza e la comprensione della complessità degli eventi che ci circondano. Il Premio è rivolto a tutte le giornaliste donne professioniste, praticanti, pubbliciste, collaboratrici di testata o blogger che abbiano al massimo 35 anni.

Per partecipare al concorso, basta inviare entro il 15 settembre 2014 un articolo di minimo 3.500-massimo 6.000 battute sul tema della bellezza e dell’ambiente “La Bella Italia: pratiche sostenibili contro la crisi”, il curriculum e la scheda di partecipazione. I documenti potranno essere inviati via mail a cittafuturacircolo@gmail.com oppure via posta (farà fede la data di invio) a: Segreteria del Premio Giornalistico Lidia Giordani, presso Studio Legale Sterpetti, C.ne Clodia, 86, 00195, Roma.

Le vincitrici saranno nominate entro il 6 ottobre 2014, proclamate da una giuria composta da: Marco Fratoddi, direttore la Nuova Ecologia; Anna Laura Bussa, Associazione Stampa Parlamentare; Fabio Rosati, Ufficio Stampa Camera dei Deputati; Milena Dominici, capo Ufficio Stampa di Legambiente; Paola Castiglia, giornalista e scrittrice; Letizia Palmisano, giornalista ambientale.

premiolegambiente

Il premio per la 1° classificata consiste nell’iscrizione alla XIV edizione del Corso EuroMediterraneo di giornalismo ambientale Laura Conti organizzato da La Nuova Ecologia e in un’opera a carattere ambientale realizzata dal pittore Carlo Efisio Marrè Brunenghi. Il corso si terrà dal 3 novembre al 13 dicembre 2014 presso il Campus Universitario di Savona. Il 2° premio consiste in un tablet e un buono libri del valore di 100 euro delle edizioni Ambiente e Terra Nuova, da spendere presso la società Ecosmorzo di Roma. Ambedue i Premi sono donati dall’Associazione Stampa Parlamentare. Il 3° Premio infine consiste in un tablet donato dall’Associazione Stampa Parlamentare.

Il Premio Giornalistico “Oltre le righe” intitolato a Lidia Giordani è organizzato da Legambiente Circolo Città Futura in collaborazione con Legambiente Onlus, La Nuova Ecologia, Studio Legale Sterpetti e con il patrocinio dell’Associazione Stampa Parlamentare.

Per ulteriori informazioni sul concorso vi invitiamo a consultare il bando .

Comfort e relax post parto con il cuscino per l’allattamento in pula di farro

phpThumb_generated_thumbnailCiao ragazzi!!! Scusate per l’assenza, ma finalmente è nato il mio nipotino. E proprio il piccolino e mia sorella sono i protagonisti di questo nuovo post. Questo perché al ritorno a casa dall’ospedale mia sorella è stata accolta dal favoloso cuscino per l’allattamento in pula di farro e cotone biologico, prodotto artigianalmente e disponibile nello store di Minimo Impatto.

Anche se questo prodotto è stato pensato per favorire l’allattamento al seno può essere utilizzato per diverse funzioni. Infatti permette di assumere una posizione comoda dopo il parto (sopratutto in caso di cesareo), per contenere il bambino durante la poppata o per un pisolino ed è consigliato anche in caso di gonfiore delle gambe, stanchezza della schiena e per un sonno ristoratore.

Devo dire che ci siamo trovati tutti e tre bene con questo cuscino… vi starete chiedendo chi è la terza persona? Beh lo ammetto l’ho usato anche io per via di alcuni doloretti alla schiena ed è comodissimo. Poi il piccolino adora dormire vicino alla mamma accolto dall’abbraccio del suo cuscino profumato.

2014-04-23 17.48.46La pula di farro, infatti, rilascia un piacevole odore che a mio avviso lascia una sensazione di rilassamento. Questo perché i cuscini scelti da Minimo Impatto contengono Pula di Farro Bio Triticum Dicoccum proveniente da coltivazioni biologiche selezionate dell’Italia centrale che viene, con cura, depurata, spolverata e criotrattata. L’imbottitura, inoltre, ha la caretteristica di essere termoregolatrice, ovvero mantiene una temperatura costante permettendo un’ottima traspirazione dei tessuti, quindi è antisudore. Poi il cuscino essendo privo di cerniere e chiusure metalliche o in plastica non comporta nessun pericolo per i più piccoli.

Il cuscino per l’allattamento in pula di farro si candida ad essere un regalo utile ed originale per le future mamme. Quindi amiche anziché regalare una serie di tutine e bavette tutte uguali promuovete il vivere naturale e donate questi fantastici prodotti, fatevi un giro nella sezione Ecobimbi di Minimo Impatto dando un occhio soprattutto alle tante ecopromozioni!

“Buon Cibo!”, la campagna contro lo spreco alimentare di Legambiente

Al via la campagna di Legambiente contro lo spreco alimentare anche fuori casa, che prende il nome di “Buon Cibo”.  In Italia sono ben 240mila le tonnelate di cibo che ogni anno finiscono nei rifiuti. Un grande, inutile, odioso, spreco di risorse e denaro che può essere evitato, a partire da un consapevole cambio di passo negli stili di vita degli italiani. Sicuramente le prime buone regole da osservare sono non riempire il frigo compulsivamente oltre misura, fare una spesa ragionata, non mettere a tavola più cibo di quello che consumiamo.

good_food_bagAnche fuori dalle nostre abitazioni possiamo fare molto: portare a casa gli avanzi dei propri pasti consumati al ristorante o in mensa, già consuetudine in molti paesi europei e negli Stati Uniti, è un grande deterrente contro lo spreco alimentare. L’unica controindicazione è che questa pratica crea spesso disagio. Un disagio non giustificato, il cibo che rimane sulle nostre tavole a fine pasto è ancora buono, commestibile, e come tale va trattato.

Per combattere lo spreco alimentare usa il sacchetto individuale riutilizzabile “Good-Food-Bag” per il trasporto di cibo avanzato. Si tratta di un sacchetto anti-spreco, fatto per portare a casa le porzioni non consumate al ristorante o in mensa: pane, prodotti da forno, frutta non sbucciata, merende, budini e tutti i cibi in vaschetta. Adatto al contatto con gli alimenti, prodotto in Italia, lavabile, riutilizzabile e riciclabile(nella plastica).

Per evitare la diffusione di questo triste fenomeno segui queste semplici azioni:

1) Quando possibile, nei ristoranti e nelle mense, evito porzioni eccessive rispetto al tuo appetito.

2) Usa e diffondi la cultura del sacchetto antispreco. In particolare:

a) se sei uno studente, e il comune ti ha fornito il sacchetto anti spreco, usalo tutti i giorni per portare a casa pane, yogurt, budini e frutta avanzata;

b) se sei un genitore o un insegnante, proponi alla commissione mensa oppure al dirigente scolastico l’adozione di un sacchetto antispreco, magari chiedendo di affiancare tale iniziativa con un percorso di educazione alimentare;

c) se sei un amministratore pubblico, acquista un sacchetto e distribuiscilo alle scuole del tuo comune aiutando i vari istituti ad organizzare momenti di sensibilizzazione sul tema;

d) se sei  un utilizzatore/trice di una mensa, proponi a chi gestisce il servizio di adottare il sacchetto anti spreco;

3) Se non mangi in mensa, porta la schiscetta al lavoro o a scuola, magari preparata a casa con gli avanzi della sera prima.

Vogliamo che questa pratica diventi un motivo di orgoglio anche in Italia, chi è consapevole del valore del cibo e del lavoro che comporta produrlo non lo spreca!

Per informazioni:

www.puliamoilmondo.it/campagna-antispreco

Vivi con stile

Pic nic ecologico con il cestino di Minimo Impatto

si-pic-nicCi siamo, la stagione delle gite fuori porta è ormai nel vivo. Radunate un po’ di amici ed immergetevi nel meraviglioso mondo della natura per una giornata all’aria aperta in compagnia. Ma prima di organizzare il vostro pic nic munitevi del cestino “green” di Minimo Impatto.

Nella scatola troverete:  10 tovagliette regalate da Minimo Impatto, 2 buste in mater bi regalate da Minimo Impatto per raccogliere i rifiuti, una tovaglia 1 m x 1 m regalata da Minimo Impatto. E inoltre una confezione da 10 Tris (tovagliolo, coltello cucchiaio e forchetta), una confezione di piatti diametro 23 cm con 20 piatti, una confezione di piatti (ciotole) da 18 cm 680 ml con 20 piatti e una confezione con 20 bicchieri.

Ovviamente, non dovrei neanche dirvelo, una volta terminata la giornata rispettate l’ambiente lasciando l’area pulita e gettando i rifiuti nei contenitori adeguati. Così concluderete il pic nic in bellezza!!!

Capelli nutriti e lucidi con la maschera balsamica ristrutturante Biofficina Toscana

phpThumb_generated_thumbnailIl desiderio di ogni donna è quello di avere dei capelli nutriti e splendenti. Ma stress, inquinamento, cattiva alimentazione e molte altre cause non ci permettono di ottenere quella chioma tanto sognata. Sappiate che non è tutto perduto, perchè grazie a prodotti validi e di qualità possiamo curare i nostri capelli e uno di questi è la maschera balsamica ristrutturante di Biofficina Toscana.

La preziosa unione dell’olio di oliva con gli estratti di edera, ortica, ippocastano, salvia e timo permette la ristrutturazione del capello, in modo da renderlo di nuovo nutrito e lucido. Questa maschera è indicata come trattamento contro la debolezza e l’opacità dei capelli. Inoltre il trattamento renderà i vostri capelli super profumati dai piacevoli oli essenziali di menta e salvia.

Questo come tanti altri prodotti nella categoria COSMESI sono in offerta nelle confezioni Grandi Scorte Gran Risparmio di Minimo Impatto.

Minimo Impatto al Mercato di Campagna Amica del Circo Massimo

L’agricoltura e i prodotti agricoli sono un cuore pulsante del Made in Italy. Il km zero e la valorizzazione della filiera agroalimentare sono principi base per ogni economia verde e sostenibile. Grazie alla collaborazione con Fondazione Campagna Amica, Minimo Impatto sarà presente al Mercato di Campagna Amica del Circo Massimo il 5 e 6 aprile e il 3 e 4 maggio!

campagnaamicaUFFICIALEFondazione Campagna Amica porta avanti progetti per una filiera agricola tutta italiana con l’obiettivo di valorizzare il vero “Made in Italy”, dare valore aggiunto ai piccoli agricoltori italiani, riequilibrare i rapporti di forza all’interno della filiera agroalimentare e consentire ai consumatori di fare acquisti sani e consapevoli, grazie all’incontro diretto tra produttori agricoli e i consumatori, nel rispetto dei principi fondamentali quali il consumo responsabile ed etico, la conservazione dell’ambiente e le sue risorse, il lavoro. Con questi scopi in Italia ci si sono andati diffondendo i mercati di Campagna Amica.

L’appuntamento è in via di San Teodoro 74 (adiacente Circo Massimo), Roma. Nell'”area convegni” potrete trovare i migliori prodotti ecosostenibili, biodegradabili e compostabili di Minimo Impatto.

 

Pulizie di primavera alle porte…vai con il Detergente Universale VerdeVero

E’ tempo di pulizie di primavera! Anzichè riempiere la casa di prodotti per ogni occasione, servitevi di un detergente universale multisuperficie all’ossigeno attivo. Nello store di Minimo Impatto potrete trovare la tanica di 5 litri della linea VerdeVero.

phpThumb_generated_thumbnailSi tratta di un detergente  idoneo per la pulizia di sanitari, rubinetterie, cromature, box doccia, superfici piastrellate, acciaio inox. Se usato con regolarità evita il formarsi del calcare.  Questo prodotto può essere usato anche in purezza e direttamente sulle superfici da pulire. Versalo e lascialo agire per alcuni secondi. Quindi passa con una spugna umida e risciacqua.

Per grandi superfici puoi utilizzare il detergente universale, diluendo 40 ml di prodotto in un secchio d’acqua (5 litri). Non occorre risciacquare.

Non utilizzare su marmo o altre pietre naturali. Inoltre può essere utilizzato anche come sanificante o sbiancante in lavatrice: versa 40 ml di prodotto nella vaschetta del candeggiante.

Sono certa che il detergente universale di VerdeVero diventerà il vostro più fedele alleato per la pulizia della casa!

Di seguito l’Inci e la composizione del prodotto:

INCI – Ingredienti

AQUA 

ALCOHOL DENAT. Alcol etilico. Aiuta lo scioglimento delle macchie ed agevola una veloce asciugatura.

CAPRYLYL/CAPRYL GLUCOSIDE Tensioattivo derivato da zucchero e olio caprilico estratto dall’olio di cocco.

TETRASODIUM ETIDRONATE Sequestrante molto attivo a bassa concentrazione, sostanza fotodegradabile.

SODIUM CAPRYLYL/CAPRYL SULFATE Tensioattivo di origine vegetale da acido caprilico estratto da olio di cocco.

HYDROGEN PEROXIDE Acqua ossigenata, igienizza completamente le superfici. Decomposizione completa in acqua e ossigeno.

*Il prodotto non contiene nessun Allergene

COMPOSIZIONE CHIMICA (Reg. 648/2004). 

Inf. 5%: Tensioattivi anionici, Tensioattivi non ionici, sbiancanti a base di ossigeno, fosfonati.

#teamrebecca

La vita normale di una bambina speciale

ImPerfettiPerfetti

Creazioni di Catia

Loveisanowl

solo chi osa impara a volare

EcoSpiragli di Anna Simone

Una finestra sull'ecologia e sull'ambiente

Elisa Gioia

-DREAMER-

The Colours of My Closet

Blog di moda, tendenze e lifestye

sabinacuccaro

A fine WordPress.com site

Ciò che non si coglie, si perde.

Il racconto delle piccole cose, in cui c'è la verità.